L'utopia diventata realtà in 39 Comuni italiani

L'indipendenza energetica dalle fonti fossili viene ancora oggi considerata da molti un'utopia, ma già 39 Comuni italiano stanno smentendo questa convinzione, vestendo i panni della prova vivente della possibilità di sfruttare unicamente energie rinnovabili.

Una raccolta di questi esempi virtuosi è contenuta nel recente rapporto di Legambiente “Comuni Rinnovabili 2016”: il giusto mix di fonti rinnovabili e soluzioni smart grid non è solo possibile, ma anche conveniente e comporta bollette meno care per tutti i cittadini.

Della quarantina di Comuni apripista in Italia, Legambiente ha premiato con il titolo di “Comune rinnovabile 2016” il Comune di Val di Vizze, il quale ha ottenuto i migliori risultati in termini di sostenibilità grazie all'unione di 5 tecnologie, ovvero mini idroelettrico, tetti solari, teleriscaldamento a biomasse e un impianto di biogas che permette di sfruttare gli scarti prodotti dagli allevamenti del territorio circostante.

Il piccolo Comune si trova in Provincia di Bolzano, altra realtà impegnata a mostrarci come sarà il nostro prossimo futuro: la città è stata scelta come Comune pioniere, insieme a Innsbruck, per il progetto Sinfonia, il quale mira a trasformare le città in smart city secondo un modello replicabile su scala in ogni altra città europea. Il progetto si svolgerà su un arco temporale di cinque anni. Quante città diventeranno 100% rinnovabili nel frattempo?